La cerimonia di stamattina in piazza del Popolo

Era il 4 dicembre del 1944 quando le truppe alleate e i partigiani italiani della 28ma Brigata Gap “Mario Gordini” liberarono Ravenna dal nazifascismo, circoscrivendo lo scontro ai margini della città e riuscendo così anche a salvare gli antichi monumenti bizantini. Settantasei anni dopo la città di Ravenna ha celebrato la ricorrenza, nel rispetto dei provvedimenti restrittivi legati all’emergenza sanitaria per la diffusione del virus da Covid-19.

La tradizionale cerimonia di deposizione di corone e omaggio alla lapide in memoria dei caduti della Seconda Guerra Mondiale si è svolta questa mattina in forma statica, senza la partecipazione del pubblico, alla presenza dei gonfaloni del Comune e della Provincia di Ravenna. Hanno preso parte Michele de Pascale, sindaco e presidente della Provincia di Ravenna, Enrico Caterino, prefetto di Ravenna, Livia Molducci, presidente del Consiglio comunale di Ravenna e Ivano Artioli, presidente provinciale dell’Anpi Ravenna.

Quei momenti sono riproposti con il video racconto “I giorni della Liberazione”, una produzione dell’ Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea di Ravenna, a cura di Giuseppe Masetti, con la collaborazione di Fabrizio Varesco e Michele Bentini, con la voce di Ermanna Montanari.