Mauro Monicelli all'opera (www.teatrodeldrago.it)
Mauro Monicelli all'opera (www.teatrodeldrago.it)

“La fantasia non è un lupo cattivo del quale si debba aver paura”, scriveva Gianni Rodari, e ad accontentare la fantasia dei bambini, piccoli e grandini, c’è sempre pronto il Teatro del Drago che è giunto alla trentaduesima stagione. Non potendo ospitare il pubblico per via della pandemia, Mauro Monticelli, terza generazione della famiglia che è sinonimo di teatro di figura, ha messo a punto uno spettacolo online rivedendo e semplificando i numerosi appuntamenti già in programma.

“Nell’attesa di tornare al teatro dal vivo – spiega Mauro Monticelli – vogliamo continuare a fare compagnia alle famiglie, anche se a distanza, come abbiamo già fatto domenica scorsa con uno spettacolo di burattini tradizionali come Fagiolino, Sandrone, Arlecchino e tanti altri, gli stessi che animavano gli spettacoli di mio nonno”. Un impegno, dunque, che si rinnova, anche in tempi difficili, grazie alla convenzione e alla collaborazione con l’assessorato alla Cultura del Comune di Ravenna. A questo proposito il Comune di Ravenna ha messo a disposizione del Teatro del Drago le Artificerie Almagià che diventa così la scena da cui trasmettere.

“Lo spettacolo – aggiunge Mauro Monticelli – andrà in onda sulla piattaforma Zoom. Devo precisare che sarà interattivo: alle domande dei bambini risponderemo, proprio come avviene negli spettacoli dal vivo”. Naturalmente tutto è più complicato, anche se viene ricreato l’ambiente allestendo un piccolo palcoscenico per rendere verosimile e attraente lo spettacolo. Il prossimo spettacolo dall’Almagià è in programma nelle giornate del 12 e 13 dicembre alle 17: “InfernoParadiso”, una co-produzione di Teatro del Drago e Drammatico Vegetale/Ravenna Teatro. Così il Teatro di Figura si unisce alle celebrazioni del Sommo Poeta per i settecento anni della morte.

“La Divina Commedia non è argomento facile – sottolinea Monticelli – neppure per gli adulti. Noi abbiamo cercato di semplificare il significato rendendolo alla portata dei bambini”. Le musiche originali che accompagnano lo spettacolo sono di Matteo Arevalos eseguite dal vivo da un gruppo di musicisti. Il 20 dicembre si cambia scena e si trasmette direttamente dal museo La Casa delle Marionette, sempre interattiva e partecipata ma più che uno spettacolo sarà un laboratorio che avrà come titolo “Il Pianeta degli alberi di Natale”. Guidati dagli attori, i bambini potranno disegnare figure, interpretando quanto viene loro suggerito attraverso la narrazione. Anche in gennaio gli spettacoli continueranno, si parte il 6 gennaio, sempre sperando che si possa tornare allo spettacolo dal vivo.
Info: compagnia@teatrodeldrago.it; www.teatrodeldrago.it, 392 6664211 – compagnia@teatrodeldrago.it
Biglietti:www.vivaticket.com (10 euro per nucleo famigliare)

Di Anna De Lutiis