Immagine di repertorio
Immagine di repertorio

Anche i bunker risalenti alla seconda Guerra mondiale possono essere un’attrazione turistica. E così la Proloco di Marina di Ravenna, in collaborazione con il Dipartimento di Architettura dell’Università di Bologna e la compartecipazione del Comune di Ravenna, ha deciso di organizzare un corso per insegnare alle guide turistiche tutto quello che c’è da sapere sui bunker della “Linea Galla Placidia”, la linea difensiva edificata nel corso della Seconda guerra mondiale dalle truppe tedesche, lungo le coste Adriatiche a nord della Linea Gotica. Il corso, spiegano gli organizzatori, “ha come obiettivo fornire le basi conoscitive per lo studio e valorizzazione della Linea Galla Placidia.

In particolare, si affronteranno le vicende storiche e costruttive del sistema territoriale e dei manufatti che la compongono, evidenziandone le tecniche e i caratteri costruttivi, ma anche il significato che questi manufatti assumono nel paesaggio contemporaneo“. Il corso prevede, come introduzione al progetto, la possibilità di seguire una tavola rotonda di confronto alla quale prenderanno parte alcune tra le principali istituzioni europee impegnate nella tutela e valorizzazione dei paesaggi militari e a seguire quattro ore di lezioni frontali in modalità online a cura di esperti dell’Università di Bologna, per un impegno complessivo di circa sei ore. Il tutto è gratuito, e in programma nelle giornate del 17, 21 e 22 dicembre. (Pev/ Dire)