Antonio Battesimo davanti al presepe di Carraie
Antonio Battesimo davanti al presepe di Carraie

Nel Natale 2020 non poteva mancare il grande presepe animato realizzato da Antonio Battesimo insieme ad alcuni collaboratori a Carraie, allestito in una sala attigua alla chiesetta parrocchiale di Via Cella 586, posta al centro del paese.
Il Presepe meccanico e dialogato narra le fasi principali della Vita di Gesù: “è un presepe particolare poiché non si tratta di una semplice rappresentazione della nascita del Figlio di Dio – spiega Battesimo – ma è una vera e propria catechesi, dove viene raccontato tutto il Vangelo: Annunciazione, Visitazione, censimento, Natività, annunciazione ai pastori, adorazione dei Magi, fuga in Egitto, strage degli innocenti, ultima cena, calvario, crocifissione, Resurrezione, Ascensione e Pentecoste. Le due novità di quest’anno sono l’Ascensione e la Pentecoste”.


Tutte le scene, in sequenza semplice e lineare, sono animate: “i personaggi si muovono e parlano. I dialoghi sono fedeli a ciò che è scritto nei Vangeli – sottolinea l’autore – e sono stati recitati dai ragazzi dell’oratorio, e proposti allo spettatore grazie a un programma computerizzato”.
C’è, dunque, un perfetto equilibrio fra tradizione e innovazione: “Ci sono i diversi mestieri: i pastori, i pescatori e i fornai, ma anche la cascata, il fiume, la nevicata e il mercato. è grande circa 24 mq – fa notare – e nella parte che ho realizzato sulla parete vi sono le scene pasquali dall’Ultima cena alla Pentecoste. È una rappresentazione ricca di dettagli e particolari, con scene, luci e personaggi studiati con attenzione”.
Una vera passione, per Battesimo, che spiega la mole di lavoro che sta dietro ad ogni personaggio: “ogni statuina viene scelta con cura, tagliata e all’interno viene inserito un ingranaggio che ne permette la movimentazione”. “Per me rappresenta il frutto di oltre 20 anni di lavoro – commenta Battesimo –. Prima lo facevo solo sull’altare, ma a poco a poco mi hanno permesso di occupare anche uno spazio all’interno della chiesa dove ho potuto creare quest’opera in maniera permanente”. Fino al 28 gennaio 2021 è possibile visitare il grande presepe, tutti i giorni dalle 9 alle 18, ad esclusione degli orari in cui vengono celebrate le funzioni in chiesa; successivamente solo su appuntamento.

Sara Pietracci

Frutto di 20 anni di lavoro di Antonio Battesimo, nella chiesa si può ammirare un presepe che racconta tutta la storia della Salvezza. “Le novità di quest’anno sono l’Ascensione e la Pentecoste”, spiega l’autore.