Il presepe della Cattedrale di Cervia
Il presepe della Cattedrale di Cervia

Il presepe della Cattedrale di Cervia, dedicata a Santa Maria Assunta, è allestito all’interno della prima Cappella della navata sinistra che si incontra accedendo dall’ingresso principale dell’edificio sacro. E sarà visitabile, negli orari di apertura del Duomo, per tutto il periodo natalizio. Riccamente animata e dotata altresì di un delicato sottofondo musicale in grado di ricreare quella magica atmosfera che tutti tradizionalmente viviamo nel nostro cuore, questa rappresentazione della Natività, realizzata grazie alla passione e alla maestria di Franco Inchico e Giorgio Valpiani, si snoda su una superfice di circa dodici metri quadri, proprio sotto il grande Crocifisso ligneo che fa da sfondo alla parete.

“Interprete della più fedele tradizione – come dice il parroco, l’arciprete don Pierre Laurent Cabantous – questo presepe vuole riallacciarsi, nelle immagini, nell’ambientazione, nei simboli e nel senso che se ne coglie, alla più tradizionale realtà della nascita del Bambino Gesù come tutti abbiamo imparato a conoscerla”. E così, anche in questo difficile tempo del Covid-19, nessuna modifica sostanziale è stata apportata nell’allestimento del presepe, al di là di variazioni puramente estetiche nella collocazione di oggetti, figure e personaggi di contorno. Non si è voluto infatti alterare la più pura raffigurazione della venuta del Redentore sulla terra, con simbologie connesse all’attuale e critica fase che stiamo vivendo, che potessero in qualche modo offuscarne l’eterno e universale valore e significato per l’umanità. Quell’umanità che d’altra parte, nel corso della sua ormai millenaria storia, si è più di una volta trovata ad affrontare vicende, situazioni, tragedie e sfide anche più gravi, uscendone sempre, in ogni caso, grazie all’amorevole protezione divina e all’intercessione della Vergine Maria.
Giuseppe Grilli

i.