Carabinieri

Sono finiti in carcere i due cittadini kosovari e un serbo-montenegrino, con dimora ad Alfonsine, di età compresa tra 25 e 33, ritenuti responsabili a vario titolo e in concorso tra loro di furto pluriaggravato ai danni un supermercato Famila e di un tentativo di furto ad una Coop entrambi di Rovigo del denaro contenuto nelle casse, impossessandosi di oltre 5000 euro di banconote e monete, dopo aver scassinato porte di servizio e cassette di sicurezza.

I tre erano stati arrestati ad Alfonsine, nella notte tra l’1 e il 2 gennaio dai Carabinieri di Ravenna che avevano intercettato l’auto con la quale si erano allontanati da Rovigo dopo il furto commesso. Il veicolo procedeva a velocità sostenuta risultando sospetta anche per motivi connessi alle restrizioni vigenti sulla circolazione notturna derivanti dai Dpcm governativi e, quindi, a controllo di polizia. Al suo interno, i militari del Nucleo Radiomobile hanno trovato oltre 5000 euro in contante, ritenuto provento dei reati, numerosi attrezzi da scasso e borse e diversi indumenti per il travisamento.

Oggi, il GIP del Tribunale di Ravenna, Andrea Galanti, concordando con le risultanze investigative prodotte dal PM, d.ssa Silvia Ziniti e raccolte dai militari operanti, ha convalidato il provvedimento pre-cautelare, disponendo la custodia cautelare in carcere a carico dei 3 malviventi.