Foto Pixabay

L’Emilia-Romagna resta in area arancione, come Calabria e Veneto. Lo prevede l’ordinanza che il Ministro della salute Roberto Speranza firmerà a breve e che entrerà in vigore domenica 17 gennaio.

“Nonostante stiamo aumentando i contagi in tutta Italia” da domenica “rimarremo quasi certamente arancioni” alla luce del nuovo Dpcm. Lo conferma all’Aria che tira, su La7, il presidente dell’Emilia-Romagna Stefano Bonaccini.

E sulla questione scuole, annuncia la riapertura delle superiori in presenza da lunedì 18: “Siccome le sentenze si rispettano, proporrò lunedì di riaprire le scuole”. E’ la decisione dell’Emilia Romagna dopo che il Tar ha sospeso la sua ordinanza per il prolungamento della Dad alle superiori al 100%.

Alle 14 il governatore ha già fissato un incontro con i sindaci per organizzare la riapertura, per la quale erano già stati messi in campo circa 500 autobus in più. Ma Bonaccini chiede anche al Governo di intervenire perchè non si ripetano situazioni come quella della Lombardia, dove i giudici amministrativi hanno ordinato la riapertura delle scuole, ma la regione è rossa (quindi con superiori in Dad). “Il Governo prenda una decisione, non lasciandola ai Tar- è l’appello di Bonaccini- se ho rinviato l’apertura il 7 gennaio è perchè la mia regione rischia il rosso” (Dire).