Immagine di repertorio
Immagine di repertorio

Sabato 30 gennaio iniziano i saldi invernali in Emilia-Romagna, con una partenza ritardata a causa delle restrizioni per il contenimento dell’emergenza sanitaria in corso.

I saldi sono da sempre un volano d’affari per l’economia dei piccoli negozi – chiarisce in una nota ufficiale Mauro Tagiuri, presidente Confesercenti Ravenna – e un’ottima opportunità per i clienti di acquistare prodotti di qualità a prezzi molto vantaggiosi. La stagione dei saldi invernali quest’anno è stata preceduta da due mesi di sconti e vendite promozionali, ma lo shopping non ha raggiunto volumi paragonabili agli anni passati ed i negozi sono dunque ben forniti. Nel frattempo, però, le vendite online continuano a crescere implementando un tipo di commercio che vede i grandi gruppi dell’e-commerce continuare a pagare cifre irrisorie di imposizione fiscale. Speriamo che i saldi siano un momento per ritrovare l’abitudine a recarsi nel negozio fisico, tra le strade della nostra città“.

“Naturalmente il colore attribuito nelle prossime settimane alla nostra Regione in base all’indice di contagio è determinante – conclude Tagiuri – perché le restrizioni alla mobilità dei consumatori rischiano di compromettere le potenziali vendite”.