Un momento della somministrazione del vaccino alla Busignani di Cervia

Oltre 5558 ospiti nelle strutture per anziani presenti sul territorio romagnolo hanno ricevuto la prima dose del vaccino, mentre nella giornata di venerdì 22 gennaio è iniziata la somministrazione della seconda dose agli ospiti che avevano ricevuto il primo vaccino nella giornata del 31 dicembre scorso e stanno proseguendo in questi giorni.
Di questi 5558, 2369 sono i vaccinati nel territorio provinciale di Ravenna, suddivisi tra case di riposo (123), case famiglia (476), comunità alloggio (481), Cra e case protette (1289).

Restano ancora fuori dalla somministrazione le strutture interessate da cluster, 1080 persone presenti in struttura.

Per quanto riguarda gli operatori, come riporta l’Ausl territoriale, in tutta la Romagna sono 4465 quelli vaccinati; di questi 1785 di loro hanno ricevuto il vaccino direttamente all’interno delle strutture, mentre gli altri, come da indicazioni date, sono ricorsi alla vaccinazione nei tre punti provinciali individuati dall’Azienda (a Ravenna il Pala De Andrè, a Forlì-Cesena la Fiera di Cesena e a Rimini il polo fieristico).

Per quanto riguarda il territorio di Ravenna, gli operatori che hanno ricevuto la prima dose sono 1606, suddivisi tra case di riposo (49), case famiglia (158), comunità alloggio (110), Cra e case protette (1289).

Sul completamento della prima somminsitrazione del vaccino, il sindaco di Ravenna Michele de Pascale ha volutoringraziare tutti gli operatori di Ausl Romagna impegnati nella campagna vaccinale che stanno lavorando intensamente per tutelare la comunità il più in fretta possibile, compatibilmente con l’arrivo dei vaccini. Dopo i medici e i sanitari, mettere in sicurezza le persone anziane e più fragili colpite duramente dal virus è una priorità assoluta. Prima bisogna difendere la parte più debole della popolazione e procedere il prima possibile con tutti gli altri anziani che si trovano fuori dalle strutture, poi vaccinarci e proteggerci tutti, quando sarà il nostro turno. Sapere che un primo passo concreto per uscire da questo bruttissimo momento è stato portato a termine, ci infonde coraggio e fiducia“.