Il manifesto della Giornata
Il manifesto della Giornata

Una domenica dedicata alla preghiera per il nostro seminario arcivescovile e perché il Signore doni nuove vocazioni al sacerdozio alla chiesa ravennate. E’ in programma il 28 febbraio, seconda di Quaresima, come tutti gli anni. Domenica nelle parrocchie della diocesi si pregherà per i sacerdoti, per i seminaristi, per chi è in ricerca della propria vocazione. Inoltre le offerte che saranno raccolte durante le Sante Messe andranno a favore proprio del nostro seminario. Ma gli appuntamenti vocazionali non si fermano qui. In occasione della Giornata mondiale di preghiera per le Vocazioni (25 aprile) saranno proposte tre veglie di preghiera in tre parrocchie della nostra diocesi, trasmesse in diretta sulla pagina del seminario arcivescovile: sarà un’ulteriore occasione di preghiera per le vocazioni al ministero ordinato e un servizio che viene offerto a tutta la comunità diocesana.

La comunità del seminario di Ravenna è composta da tre giovani.
Davide Riminucci, ravennate, è stato ordinato diacono alcuni anni fa, e sta chiedendo di verificare la sua vocazione al sacerdozio ministeriale, desiderando diventare prete. Dopo aver insegnato religione nelle scuole superiori, ora si è inserito nella vita ordinaria del Seminario regionale a Bologna per una più forte esperienza di vita comunitaria e. E’ vice-direttore dell’Ufficio di Pastorale Giovanile e Vocazionale ed è in servizio nella la parrocchia di Portomaggiore, accanto ai ragazzi delle superiori e delle medie (coi loro educatori), ed ai volontari della Caritas parrocchiale.

Andrea Romagnoli è originario di Portomaggiore e dirige la Casa residenza anziani parrocchiale, occupandosi dei nonni ospitati, delle loro difficili relazioni familiari e del personale. Diventato diacono, anche lui ora chiede una verifica sul suo desiderio di diventare prete, e quindi partecipa come può alla vita comunitaria del Seminario di Bologna. Fa servizio nella parrocchia di Argenta, accanto ai catechisti ed ai ragazzi delle superiori.

Riccardo Pollini è originario di Cervia e ha iniziato il suo cammino vocazionale nella comunità della propedeutica delle diocesi romagnole che ha sede a Faenza, dove vive la vita ordinaria e studia, essendosi iscritto a Pedagogia a Mestre, dove ormai è giunto all’ultimo anno e si prepara alla tesi. A Faenza lavora in una scuola dove sta svolgendo anche il tirocinio formativo mentre segue l’attività di un reparto scout del Ravenna 2.