La celebrazione a Marina di Ravenna
La celebrazione a Marina di Ravenna

Si sono svolte nella mattina di mercoledì 10 febbraio a Marina di Ravenna le celebrazioni del “Giorno del ricordo”,  istituito nel 2004 per conservare la memoria delle vittime delle foibe, dell’esodo degli istriani, dei fiumani e dei dalmati italiani nella complessa vicenda del confine orientale.  L’omaggio, in piazzale Marinai d’Italia 19, alla lapide in ricordo di quei profughi, accolti nella località negli anni Cinquanta e Sessanta, a seguito dell’emigrazione forzata dalle terre d’origine, ha registrato gli interventi del vicesindaco Eugenio Fusignani, della vice presidente dell’ufficio decentrato del Mare Silvana Piolanti, che ha sottolineato lo spirito di accoglienza della comunità di Marina; di Ettore Berni e Mario Dugan, in rappresentanza delle famiglie dei profughi e della comunità giuliano dalmata, che hanno portato la loro esperienza diretta; e di una studentessa della terza media dell’Istituto Mameli che si è soffermata sul parallelismo del dramma dell’esilio con il Sommo Poeta Dante Alighieri.

“L’istituzione del Giorno del ricordo – ha sottolineato Eugenio Fusignani – è un atto di giustizia nei confronti delle popolazioni italiane che subirono la doppia persecuzione della barbarie nazifascista e del regime comunista, uccise e strappate ai loro affetti, costrette a fuggire dalle proprie case e dalla propria terra. Oggi siamo qui per ricordare quello che è successo e non solo per perpetuare la liturgia laica della memoria, ma per trarre una lezione dalla storia e fare in modo che ciò che accadde non accada mai più. In questo senso Marina di Ravenna, una comunità coesa e perciò in grado di condividere le sofferenze, costituisce un grande esempio di moralità e di accoglienza”.
Erano presenti anche la presidente del consiglio comunale Livia Molducci e i consiglieri comunali Alberto Ancarani, capogruppo di Forza Italia, e Daniele Perini, capogruppo di Ama Ravenna.