Emporio solidale
Silver e Bianca con i tanti prodotti nel capannone della nuova sede dell'Emporio solidale

Quasi 10mila euro di fondi raccolti, circa 400 persone aiutate e la nuova sede, più grande e poco lontana da quella vecchia. In questi tre aspetti si racchiude il 2020 dell’attività dell’Emporio solidale di Cervia, un progetto attivo dal 2016 che vede nel Coordinamento del volontariato di Cervia, il gestore del servizio, in “Un posto a tavola” il soggetto capofila di riferimento e nell’Amministrazione comunale uno dei principali sostenitori.

La collaborazione ha permesso di aiutare – soprattutto durante il primo lockdown – oltre un centinaio di nuclei cervesi, per un totale di circa quattrocento persone, grazie all’aiuto anche di nuovi volontari della comunità. Scout, singoli cittadini, volontari di organizzazioni differenti, come Un posto a tavola, Auser, Cervia Buona e Croce Rossa, sono diventati uno dei pilastri indispensabili per garantire spese gratuite settimanali ai cittadini cervesi. A fianco a loro, si è manifestata una solidarietà diffusa che ha permesso di recuperare quantità importanti di prodotti alimentari che in alcuni casi, a causa anche delle chiusure di tante attività, il circuito commerciale non sarebbe stato in grado di assorbire.

A tal proposito, Silvia Elena Berlati, presidente dell’associazione ricorda che “a seguito di donazioni di beni materiali, di generi alimentari e non solo, le aziende hanno la opportunità di ottenere benefici fiscali, risparmi nella gestione dello smaltimento e l’occasione per valorizzare ancor di più il proprio impegno all’interno della comunità”.
Durante il 2020, Mensa Amica ed Emporio Solidale di Cervia hanno realizzato due importanti campagne di raccolte fondi online. “In entrambi i casi gli obiettivi che erano stati prefissati sono stati raggiunti con grande successo – sottolinea la Berlati – a testimonianza di quanto il valore della solidarietà sia ben radicato nel nostro territorio. Grazie alla generosità di aziende, cittadini e istituzioni complessivamente si sono raccolti quasi 10.000 euro. Risorse preziose che saranno utilizzate per acquistare beni alimentari e prodotti igienico-sanitari che verranno messi a disposizione delle famiglie beneficiarie dei progetti di Mensa Amica ed Emporio solidale e che, in parte verranno, usate nei prossimi mesi anche per sostenere i costi di affitto della nuova sede dell’Emporio solidale e le spese di gestione e mantenimento delle due organizzazioni di volontariato”.

Per l’Emporio solidale il nuovo anno è iniziato infatti con il raggiungimento di un nuovo grande traguardo: il trasferimento della sede in un fabbricato più spazioso, collocato sempre nella zona industriale artigianale di Montaletto di Cervia (via del Lavoro, 32/D). “Qui, grazie alla disponibilità del signor Gori, proprietario della struttura, e di tutte le persone che ci hanno sostenuto è stato creato un nuovo market solidale più ampio rispetto al precedente – rimarca la Berlati – che permetterà all’Emporio solidale e a Mensa Amica di raggiungere ancor più persone e famiglie in difficoltà”.

La raccolta fondi promossa nel periodo natalizio dall’Emporio Solidale di Cervia, conclusasi lunedì 15 febbraio e denominata “Un Natale DavVero per tutti”, ha fruttato quasi diecimila euro. Una cifra che“permetterà a noi dell’Emporio Solidale e di Mensa Amica Cervia di aiutare concretamente tutte le famiglie del territorio che stanno attraversando un periodo di grave vulnerabilità e difficoltà sociale ed economica” scrivono i responsabili dell’associazione.