Stefania Ferri
Stefania Ferri

Un dialogo che continua. Un video che parla al cuore. Questo è il video pubblicato sulla pagina Facebook dell’Unitalsi Emilia-Romagna e di Ravenna lo scorso 11 febbraio, nell’anniversario della prima apparizione della Madonna a Bernadette Soubirous.

Il video

“Nel tempo e nei giorni di Bernadetta. Un incontro con la felicità. E quale felicità” è il titolo del documento voluto dalla sezione emiliano-romagnola dell’associazione, su idea della presidente AnnaMaria Barbolini, ma realizzato soprattutto a Ravenna, con la regia di Diletta Ferruzzi, le voci della presidente della sezione locale Patrizia Amici che interpreta la Madonna, Emma Ferruzzi (Bernadette), Paride Beretta (coro), Catia Gori (voce narrante), il montaggio di Gianmarco De Santis e la testimonianza toccante di Stefania Ferri, giovane volontaria dell’Unitalsi di Ravenna che a Lourdes, quando ci sarà di nuovo la possibilità, tornerà con la sua sedia a ruote.

Un progetto che nasce da una profonda nostalgia per Lourdes e per l’esperienza dei pellegrinaggi, attualmente sospesi a causa delle norme anti-Covid. E si vede. La regista immagina un dialogo, prima tra la Madonna e Bernadette, che continua nell’esperienza di una giovane pellegrina con Stefania e collega idealmente quell’11 febbraio 1858, giorno della prima apparizione all’attualità segnata dalla pandemia.

“Se la Madonna di Lourdes mi apparisse qui davanti adesso mi commuoverei e le direi ‘Grazie per avermi Aspettata’ – dice Stefania nella sua testimonianza –. Perché in questo tempo particolare di pandemia, il non poter ripartire alla volta del Santuario di Lourdes e della Grotta di Massabielle, per andare a pregare, a ringraziare e ad affidarci per tutti, rende, questa stessa attesa di un incontro sempre nuovo e sempre vero e pieno, estremamente lunga, estremamente difficile, ed estremamente sofferente, per una moltitudine di persone… È stato ed è così anche per me”.               

Davanti alla grotta mi sento a casa – prosegue Stefania –. Una sensazione di pace e serenità e svanisce ogni senso di stanchezza: ‘Signore io mi affido a te’. Bernadette diceva ‘Io sono la più ignorante, quella che nessuno avrebbe scelto, ma quando ero di fronte a Lei… Lei mi ha guardata come si guarda una persona’. Penso che la mia vita, nel mio piccolo, sia simile alla sua, perché, grazie all’Unitalsi io mi sono sentita guardata e amata come una persona”.

È un messaggio personale quello che si sente ripetere Stefania a Lourdes: in certi momenti, racconta, “è come se la Madonna tante volte, volesse dirmi: “So che hai sofferto, stai soffrendo e soffrirai, ma io sono qui. Tu non sei sola, accogli la sofferenza. Impara ad affrontare le abitudini con lo sguardo di Dio e il volto che sorride… E la sofferenza si trasformerà in gioia piena!”