L'esterno della scuola di musica Rossini a Cervia

Migliorare lo standard qualitativo della didattica online delle scuole di musica gestite dalla Angelo Pescarini Scuola Arti e Mestieri con nuove tecnologie. Grazie ad un finanziamento della Regione Emilia-Romagna del valore di 9.394 euro e una spesa a carico della Pescarini di 4.026, da oggi due aule rispettivamente della scuola di musica Sarti di Faenza e Rossini di Cervia, sono attrezzate con strumenti audio e video all’avanguardia.

Ciascuna delle due aule sarà quindi provvista di mixer, webcam, switcher audio, videoproiettori, microfoni, ricevitori, trasmettitori e treppiedi: una parte di tali strumenti sarà a disposizione dei docenti, altri forniti in comodato d’uso agli allievi impossibilitati a frequentare in presenza che potranno così proseguire il contatto con il proprio insegnante in modo adeguato. La didattica musicale a distanza, per sua natura, necessita infatti di una buona qualità di registrazione e trasmissione del suono che non sempre viene garantita dai dispositivi in possesso degli allievi. Inoltre, le nuove tecnologie rappresentano anche un valido supporto per effettuare registrazioni musicali ad alta definizione degli eventi organizzati dalla scuola Sarti e diffonderli al vasto pubblico attraverso la rete.

“Abbiamo colto l’opportunità offerta dalla Regione per concretizzare questo progetto nell’ottica di offrire una didattica sempre più qualificata – afferma Luciano Casmiro, direttore della Pescarini Arti e Mestieri – seppur in un contesto difficile come quello che stiamo affrontando Le nostre scuole di musica rappresentano un valore importante sotto il profilo sociale ed educativo nel nostro territorio sia per la qualità dei docenti che per la partecipazione numerosa di allievi e, da oggi, anche per l’alto livello tecnologico”.

L’iniziativa è stata denominata “Music d.a.d” dagli ideatori: il docente della scuola Sarti, Damiano Drei e il fonico musicista Giacomo Scheda. Intanto proseguono le attività didattiche in presenza nelle due scuole di Faenza e di Cervia, che vedono in totale la partecipazione di circa 500 allievi.