Una fase di una partita di sitting volley della PianoterRA

“Già il solo fatto di esserci ritrovati in palestra per i primi allenamenti, anche se a ranghi incompleti, ha un valore enorme”. Esprime così Federico Blanc, capitano della PianoterRA Ravenna, la cui attività è inserita nell’ambito del Porto Robur Costa 2030, lo stato d’animo del settore del sitting volley, una disciplina che sta cercando di rimettersi in moto per giocarsi al meglio la vetrina paraolimpica

Da marzo dello scorso anno a oggi abbiamo in pratica fatto solo sei allenamenti – osserva –: siamo stati costretti a interrompere la Coppa Rotary e ci è saltata tutta la stagione estiva sulla sabbia. Ma per fortuna siamo riusciti a non perderci tra di noi”. Tra alcuni allenamenti e qualche seduta organizzativa online, la compagine ravennate è riuscita a mantenere il suo gruppo, composto da una ventina di giocatori e giocatrici, “anzi siamo contenti di avere ritrovato qualcuno che negli anni passati era andato via – sottolinea Blanc – e di avere riaccolto un disabile che, per problemi personali, aveva abbandonato”.

L’indizione da parte della Fipav del campionato nazionale ha dato la spinta per riportare i praticanti del sitting in palestra, “destreggiandoci tra decreti, ordinanze e normative – spiega Blanc – ma anche osservando con scrupolo protocolli rigidi ma funzionali e anche sostenibili da un punto di vista economico. Il nostro era uno sport fermo del tutto, adesso è nelle condizioni di ripartire”. E che tutto il movimento abbia voglia di tornare alla normalità è testimoniato dalla ripresa dei collegiali delle nazionali italiane femminile (qualificata per le Paralimpiadi) e maschile, che dovrà disputare gli Europei, e l’elevato numero di squadre che hanno garantito la preiscrizione al campionato italiano: 23 società maschili e 14 femminili. “La nostra società sarà in campo con una squadra maschile tutta nostra – conferma Blanc – e con una femminile che metterà insieme anche ragazze di un club di Modena e La Spezia. Il campionato avrebbe dovuto iniziare a marzo ma è tutto slittato. La data di inizio deve essere ancora fissata, così come la formula; bisognerà poi vedere se, al momento opportuno, tutte le pre-iscrizioni saranno tramutate in adesione, però i numeri in effetti sono alti”.

E in gestazione c’è anche l’edizione 2021 della Coppa Rotary, una delle manifestazioni di maggior valore in Italia.  “Abbiamo cominciato a rivedere una programmazione – sottolinea il capitano della PianoterRA – e questo ci dà entusiasmo e stimoli. Poi speriamo di riprendere quanto prima anche il nostro lavoro di promozione di questo sport. Intanto tutti i giovedì sera, dalle 21 alle 23, noi siamo in palestra alla Montanari e siamo ben lieti di accogliere chiunque voglia provare a cimentarsi nel sitting volley”.